Joe Bastianich, ambasciatore della cucina italiana negli USA.



Joe Bastianich, ambasciatore della cucina italiana negli USA.

Joe Bastianich muove i primi passi nel mondo della ristorazione al “Felidia”, il ristorante italiano dei genitori, Lidia e Felice, a Manhattan ed inizia la sua carriera dal basso: lavando i piatti e facendosi spazio nel frenetico mercato della carne del Bronx.

Joe Bastianich, ambasciatore della cucina italiana negli USA.
Joe Bastianich, ambasciatore della cucina italiana negli USA.

Sarà lui negli anni ’90 a convincere mamma e papà a fare un nuovo investimento: il ristorante il “Becco”, a Manhattan. L’iniziativa è vincente e la famiglia Bastianich decide di aprire altri locali anche fuori New York.

Quando i genitori divorziano, il padre cede le proprie quote a Joe ed alla sorella Tanya. Joe decide di investire ulteriormente ed insieme allo chef Mario Batali apre il “Babbo Ristorante e Enoteca” ottenendo tre stelle dalla guida gastronomica del New York Times. Joe Bastianich inizia la sua ascesa verso il successo e, ristoranti ed enoteche firmati Joe Bastianich si moltiplicano a New York, Los Angeles e Las Vegas.

Joe Bastianich: l’italo-americano divenuto ambasciatore della cucina italiana - ristorante 'Becco'.
Joe Bastianich: l’italo-americano divenuto ambasciatore della cucina italiana - ristorante 'Becco'.

Oggi, insieme ai suoi soci, Joe presiede oltre due dozzine di rinomati ristoranti in tutto il mondo oltre ad essere partner di Oscar Farinetti. L’obiettivo? Portare il più grande mercato del cibo e del vino, “Eataly”, a New York, in tutto il nord e sud America.

Joe Bastianich, non solo ristorazione: negli anni 2000 le prime pubblicazioni di libri e poco dopo il successo televisivo con Masterchef.

È stato un viaggio in Italia insieme all’esperto di vini statunitense …., a permettere a Joe Bastianich di scrivere e pubblicare nel 2002 il libro “Vino italiano: the regional wines of Italy”. Di lì a poco arrivano premi e riconoscimenti e nel 2010 il “Del Posto” è il primo ristorante italiano a ricevere quattro stelle dal New York Times.

 

Joe Bastianich, giudice insieme Bruno Barbieri e Carlo Cracco, di Masterchef.
Joe Bastianich, giudice insieme Bruno Barbieri e Carlo Cracco, di Masterchef.

La sua avventura televisiva inizia lo stesso anno con Masterchef USA e, nel 2011 Joe Bastianich è, insieme a Carlo Cracco e Bruno Barbieri, giurato nella versione italiana di Masterchef. Alla notorietà di Joe Bastianich nel piccolo schermo contribuiscono anche Today Show, Festival di Sanremo, Masterchef Junior, Cucine da Incubo, Restaurant Start Up, andati in onda in oltre 200 Paesi.

Nel 2011 Joe Bastianich pubblica la sua autobiografia “Restaurant Man” ma.. non sono solo rose: arriva anche una condanna a fornire un risarcimento da record ai suoi dipendenti (oltre mille). Più di 5.000.000 $ per aver sottratto parte delle mance.

È il 2013 quando Joe Bastianich, che ha già avviato in Italia l’Azienda Agricola Bastianich, apre il ristorante “Orsone” a Cividale del Friuli.

Joe Bastianich – AKA JOE, la musica accompagna le delizie culinarie del ragazzo italiano divenuto tra i più importanti ristoratori d’America.

Joe non smette mai di sorprendere e lo fa con la sua rivelazione più inedita e personale. AKA JOE è il suo primo album attraverso il quale racconta l’essenza della sua vita tra amore ed ambizioni, paure e passioni.

Joe Bastianich e la musica – AKA JOE il suo primo album.
Joe Bastianich e la musica – AKA JOE il suo primo album.

La musica per Joe Bastianich rappresenta “l’espressione delle emozioni più vicine al cuore” e racconta, con AKA JOE, ciò che ha fatto e ciò che farà.

Attraverso la musica Joe racconta la storia di una band di teenager nel Queens: “Era nel garage che suonavamo la chitarra da ragazzini, io suonavo e cantavo ed, ogni pomeriggio, era in quei momenti che riuscivo ad essere finalmente cool come gli altri ragazzini, anche un po’ più figo”. In quei momenti Joe viveva il suo sogno di essere una rock star.

Oggi si esibisce con la sua band, “The Ramps”, di formazione tutta italiana, al “Blue Note” di Milano.

Joe Bastianich e 'The Ramps', al “Blue Note” di Milano.
Joe Bastianich e 'The Ramps', al “Blue Note” di Milano.

Vi lasciamo salutandovi con una frase di Joe:

“Ho scelto di dedicarmi a ciò che davvero mi interessa, lavorando duramente per aprire, più di vent’anni fa, ‘Becco’. Il resto è storia.”


Pubblicato il: 25.06.2020 alle 10:08:26 - by Redazione Just Italy (Ste FStyle Image)


Redazione Just Italy (Ste FStyle Image) consiglia:
Card image cap
Carlo Cracco e il suo Dinner Club, Made in Italy, in viaggio nel mondo
Card image cap
Bruno Barbieri - chef da 7 stelle Michelin!
Card image cap
Antonino Cannavacciuolo: chef e patron di Villa Crespi.
Card image cap
Spazio vuoto